Abruzzo in treno

Inaugurazione della mostra storica
L'Abruzzo in treno Penne (PE) sabato 6 marzo 2010 Sala Consiliare del Comune di Penne
Inizio lavori ore 9:30.

  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sei qui: Home Le linee transappeniniche
Martedì 23 Lug 2019
Le linee transappeniniche Stampa

Parallelamente allo sviluppo della linea adriatica, emergeva la necessità di linee transappenniniche: nella carta che segue sono rappresentati i progetti delle varie linee ferroviarie che si sarebbero dovute costruire in Abruzzo dopo l’Unità d’Italia, da cui emerge l’importanza attribuita ai collegamenti tra le zone interne e la costa, e con Roma.

La ferrovia  Pescara-Sulmona-L’Aquila-Rieti-Terni
La costruzione della maglia ferroviaria abruzzese fu abbastanza complessa e scatenò accese discussioni riguardo i tracciati migliori da seguire.
Il peligno Giuseppe Andrea Angeloni, sostenitore del ruolo centrale dell’industria armentizia nello sviluppo economico del Mezzogiorno, attribuiva la responsabilità della debolezza economica di questa zona agli alti costi di commercializzazione delle produzioni tipiche quali pelli, lana e zafferano. Questi vedeva una possibile risoluzione del problema nella creazione di nuove e più moderne vie di comunicazione e fu un grande sostenitore della realizzazione del tracciato Pescara-Sulmona-L’Aquila-Rieti-Terni.
Il tratto da Pescara a Sulmona fu aperto il 1° novembre 1873, mentre il 10 maggio 1875 fu ufficialmente inaugurata l’intera ferrovia fino a L’Aquila. Il 29 luglio 1879 la Commissione Depretis inseriva definitivamente tra le ferrovie di I categoria il tratto L’Aquila-Terni con costruzione a totale carico dello Stato: i lavori iniziarono nella primavera del 1881 per terminare nell’ottobre 1883.
La linea L’Aquila-Terni fu inaugurata con grande solennità il 28 ottobre 1883. All’evento presenziarono autorità come il ministro dei Lavori Pubblici Genala, il conte Bastogi, il presidente delle Strade Ferrate Meridionali, i vari sindaci del circondario, il duca Torlonia, etc.. Erano presenti sessantasei testate giornalistiche e tra le presenze estere il Times, il Daily News di Londra, la Gazzetta di Mosca e l’Evenement di Parigi.

Sfoglia i documenti:

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per avere più informazioni sui cookie accedi alla sezione Per saperne di più.

Per proseguire: .

EU Cookie Directive Module Information